closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Samuel Beckett, la scena madre di un autore ipermediale

Saggi . «Lo spopolatoio. Beckett con Dante e Cantor», un libro di Gabriele Frasca

Dal 1997 in poi, in Italia, l’opera di Samuel Beckett, Nobel per la letteratura nel 1969, è legata sempre più al nome di Gabriele Frasca. In quell’anno, infatti, il poeta, scrittore e saggista napoletano, traduceva, curava e introduceva per Einaudi il grande romanzo Watt. In seguito, quasi sempre adottando un «format» compositivo di questo tipo e sempre per lo stesso editore, Frasca licenziava, dell’opera beckettiana, le Poesie (1999), l’altro romanzo Murphy (2003) e la raccolta di prose brevi In nessun modo ancora (2007). Queste curatele seguivano un percorso di ricerca sull’autore irlandese aperto nel 1988 da un primo studio monografico,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.