closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sado, l’isola dove la musica è ipnotica

Maboroshi. Sede di una delle miniere d’oro più importanti del Giappone, fu attiva dal 1601 al 1989 sfruttando manodopera coreana fino all’inizio del secolo scorso

Nella zona centrale del Mar del Giappone, quella parte di mare compresa fra l’arcipelago nipponico e il continente asiatico, a pochi chilometri dalla prefettura di Niigata di cui fa parte, si trova l’isola di Sado. Sede di una delle miniere d’oro più importanti e longeve nella storia del paese, fu attiva dal 1601 al 1989 sfruttando manodopera coreana fino all’inizio del secolo scorso, l’isola fu usata per lungo tempo anche come colonia penale e luogo d’esilio, Nichiren, il monaco fondatore della corrente buddista che porta il suo nome, e l’imperatore Juntoku, i due nomi più illustri che furono lì imprigionati....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi