closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sam Shepard, l’ultimo cowboy di una frontiera che non esiste più

Cinema. È morto ieri l’attore, sceneggiatore e autore teatrale che ha saputo evocare la durezza del mito statunitense

Il volto abbronzato, l’andatura dinoccolata alla Gary Cooper e la prosa dolorosa segnati dalle intemperie di una vita trascorsa raccontando la tragedia nascosta nelle pianure immense e negli insidiosi canyon del grande sogno americano, Sam Shepard, scomparso ieri a settantatré anni, per complicazioni da Lou Gehrig desease, era l’ultimo dei grandi cowboy solitari del teatro Usa. Una voce capace di portare a Broadway e Off Broadway, dove la sue carriera è cominciata, il sapore e la durezza di quegli Stati uniti che ha ininterrottamente zigzagato, per tutti questi anni, in auto o pick up truck. Drammaturgo, sceneggiatore, autore di saggi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.