closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Salvini alza la posta, Draghi non arretra. I governisti mediano

No problem. Dal catasto alle discoteche, il leader della Lega incalza il premier. Colombe in azione, presto un incontro «chiarificatore»

Mario Draghi

Mario Draghi

Rompe, non rompe, rinvia a febbraio, macché è inchiodato al governo fino all’ultimo sussulto di legislatura. Gli è bastato il chiarimento per finta di Draghi, no no, non si accontenta, vuole il ritiro della riforma del catasto, chimera irraggiungibile, e anzi già che c’è lancia una bordata gratuita contro la riapertura delle discoteche al 35% della capienza: «È una presa in giro». Capire la strategia di Salvini è impossibile, perché quella strategia non c’è. In discussione non c’è una crisi di governo immediata, che nessuno reputa possibile e che lo stesso Salvini esclude strillando a pieni polmoni. C’è la sorte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.