closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Salario minimo, la misura tedesca funziona. Lo dice Harvard

Germania. Lo studio certifica gli effetti pratici della legge nazionale introdotta nel 2015: «Il numero di posti di lavoro pagati meno di 8,5 euro all’ora è diminuito subito dopo l’introduzione della norma e il trend è coinciso con l’aumento degli impieghi maggiormente retribuiti»

Un «Biergarten» a Berlino nel maggio scorso

Un «Biergarten» a Berlino nel maggio scorso

Secondo le autorevoli analisi degli economisti business-oriented la misura avrebbe dovuto produrre ben 900.000 nuovi disoccupati. Invece non solo ha salvato i posti di lavoro ma ha anche consentito di aumentare le buste paga e perfino di ammodernare gli stabilimenti produttivi. Lo studio Reallocation effects of the Minimum Wage pubblicato dalla Oxford University Press per conto del Dipartimento di Economia dell’Università di Harvard certifica gli effetti pratici della legge sul salario minimo nazionale introdotta in Germania nel 2015. Giungendo alla conclusione che «la misura ha permesso la riallocazione dei lavoratori a basso salario dalla fascia di stipendio minimo al livello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.