closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Saied, ogni comunicato via social è una purga

Tunisia. Ancora in attesa della nomina di un primo ministro, mentre Ennahda implode

Soldati davanti alla sede della televisione a Tunisi

Soldati davanti alla sede della televisione a Tunisi

Come ogni sera, verso le dieci, sulla pagina facebook della presidenza tunisina appare una scritta blu su sfondo bianco: balagh, comunicato. Sopra, una frase. Senza troppe spiegazioni, così vengono annunciate le nuove misure decise dal presidente Kais Saied, che da ormai dieci giorni continua a scandire il ritmo della vita politica del paese con le sue ordinanze presidenziali. La purga del presidente – che licenzia, sostituisce, nomina – non si ferma: martedì sera, la sua pagina facebook ha comunicato il ritiro dell’ambasciatore tunisino a Washigton, Nejmeddine Lakhal. Soltanto una settimana fa, la porta voce della Casa Bianca si era detta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.