closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Safa Msehli (Oim): «20 migranti morti nel Mediterraneo. Altri 500 respinti in Libia»

Il Mediterraneo centrale

Il Mediterraneo centrale

C’è stata un’altra strage nel Mediterraneo, tra martedì e mercoledì. Stavolta, senza Ong presenti, non ci sono foto né video. Così il mare ha risucchiato non solo le vite, ma anche le storie dei migranti scomparsi. «Il 19 luglio sono partite sette barche dalle coste libiche: sei da Zuwara e una da Zawyia. Circa 500 persone sono state riportate indietro tra martedì e mercoledì dai guardacoste libici», dichiara a il manifesto Safa Msehli, portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim). Alcune di queste barche sono rimaste in mare due giorni. «Una era strapiena. Il nostro staff ha assistito i migranti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.