closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Sadeq Hedayat, fotogrammi che narrano la perdita

Narrativa. «Il randagio e altri racconti», il libro dello scrittore iraniano è stato tradotto in Italia per Carbonio da Anna Vanzan

Sadeq Hedayat

Sadeq Hedayat

Il randagio è la storia di Pat, un cane di razza scozzese, amato e coccolato, metafora di un’anima raminga che cede alle lusinghe del mondo. Un giorno Pat sale in automobile, era già successo. Giunto in città sente l’odore di una femmina, si allontana e non risponde più al richiamo del padrone. DA QUEL MOMENTO, tutto è perduto. «Aveva il muso color paglia bruciata e le zampe pezzate di nero, come se avesse corso in una palude e si fosse schizzato. Aveva orecchie penzolanti, una coda setolosa e il pelo opaco e sporco. Ma nel muso imbrattato brillavano due occhi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi