closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Ryan Murphy: «La storia dei ball, dove gli eroi erano gli emarginati»

Intervista. Lo sceneggiatore e regista racconta la sua nuova serie tv, «Pose», nella New York Lgbt degli anni ottanta

L’emancipazione metaforica di personaggi outsider, ai margini della società mainstream, è tema ricorrente nelle creazioni di Ryan Murphy: serie come Glee e le antologie di American Horror Story. Queste ultime, prodotte con quella che è praticamente una compagnia stabile soprattutto di attrici (Jessica Lange, Kathy Bates, Sarah Paulson) trattano di «freaks» da baraccone, streghe, vampiri e una galleria di personaggi eccentrici e anticonformisti. Anche le Bette Davis e Joan Crawford di Feud sono rappresentanti in qualche modo dell’impietosa condizione femminile delle dive dello star system, mentre Glee è diventato programma cult per le tematiche gay giovanili. Un curriculum di commento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.