closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Russia e Turchia ai ferri corti

Siria. Ankara prova a evitare escalation del conflitto. Mosca sconsiglia di recarsi in Turchia e promette altri attacchi. Medvedev: «Vogliono no-fly zone»

Erdogan si comporta come se Rojava fosse territorio turco. Ecco perché neppure prende in considerazione le ricostruzioni di Mosca sulla localizzazione dell’Su 24 russo, abbattuto martedì, dall’aviazione turca. Secondo le autorità russe, il velivolo si trovava in territorio siriano nel momento dell’abbattimento. Nonostante le prime ricostruzioni, uno dei due piloti è scampato all’attacco, grazie ad un intervento delle forze speciali russe. Il pilota sta bene ed è stato messo in salvo in una base aerea russa in Siria. Il capitano Konstantin Murakhtin ha sostenuto di non essere mai entrato in Turchia e di non aver ricevuto alcun avvertimento prima dell’attacco....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.