closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Ruggiti del cuore, in balìa dei bolscevichi

Russia, guerra civile. Ivan Bunin descrive i «Giorni maledetti» del 1918-1919 nelle impetuose pagine del suo diario, a tratti ellittiche e ricercate come la sua narrativa d’invenzione: da Voland, prima traduzione italiana

Kuzma Petrov-Vodkin, «Natura morta», 1918

Kuzma Petrov-Vodkin, «Natura morta», 1918

Tra le pieghe di un tragico e desolante racconto della rivoluzione e della guerra civile russa Ivan A. Bunin ricorda a un tratto, apparentemente senza alcun nesso diretto, come Tolstoj avesse scritto di un suo amico indigente che aveva speso tutto quanto aveva per comprare un canarino metallico a carica: nello sconcerto generale, piano piano era apparso chiaro che l’unica spiegazione per quel gesto era che l’amico era solo incredibilmente stupido. Nei suoi diari in presa diretta dal turbine rivoluzionario, Giorni maledetti, per la prima volta tradotti in italiano da Marta Zucchetti (Voland, p. 224, € 18,00), Bunin fornisce molte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi