closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Ruby non spaventa più Berlusconi

Giustizia. Ribaltato il primo grado, non ci fu nessun reato con la "nipote di Mubarak". La notizia fa il giro del mondo. Anche i legali azzurri ci credono a stento. L’ex premier assolto dall’accusa di concussione e prostituzione minorile. «Sono commosso, giudici ammirevoli». I suoi: ora la grazia

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Gli hanno creduto. Hanno creduto che non esercitò nessuna pressione sui funzionari della Questura di Milano quando telefonò per avvertire che Ruby Rubacuori era la nipote del leader egiziano Mubarak. Ma hanno creduto anche che ignorava il fatto che la ragazza marocchina fosse minorenne. E quindi per questo lo hanno assolto da tutte le accuse rovesciando la sentenza che in primo grado lo aveva condannato a sette anni di carcere per concussione e prostituzione minorile. Silvio Berlusconi esce indenne da uno dei processi che lo preoccupavano di più. I giudici della seconda corte d’appello di Milano, presidente Enrico Tanfa, lo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi