closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Rosarno, in fiamme il ghetto dei migranti

Nella notte un incendio distrugge la baraccopoli nella Piana di Gioia Tauro. Muore una ragazza di 26 anni originaria della Nigeria. Nel campo trovavano un rifugio per dormire almeno mille persone. Che da ieri non hanno più nulla

«A nessuno importa di noi. Io vorrei solo un lavoro e una casa. Vorrei vivere tranquillo». Issa viene dal Ghana. Ha lo voce rotta dal pianto mentre le lacrime gli rigano il volto. Davanti a lui ci sono solo i resti della sua «casa». «Non è possibile. Ci trattano come bestie», ripete con rabbia Mamadou. «Tutto questo non doveva accadere. E le istituzioni ci ignorano», borbotta ancora. A terra c’è solo un manto di cenere e l’atmosfera è avvolta da un odore acre. «Potevamo morire tutti», bisbiglia un ragazzo senegalese di appena 20 anni. INTORNO alle due notte un incendio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.