closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Roma, il regolamento sui beni comuni non c’è e la giunta desertifica la città

Nuovo mutualismo e corpi intermedi. Non c'è solo l'Angelo Mai, migliaia di spazi sociali rischiano lo sfratto e i sigilli. Presentate 15 mila firme per una delibera di iniziativa popolare

Edifici in disuso della Marina militare, ex convitti come l’Angelo Mai, capannoni abbandonati, pezzi di Agro romano con casali, ex conventi come la Casa internazionale delle donne a Trastevere: sono migliaia a Roma gli spazi pubblici, non solo di proprietà del Comune, occupati da anni e gestiti per la collettività da associazioni e centri sociali. Entro lo scorso 30 maggio la "Coalizione Beni comuni di Roma" ha raccolto 15 mila firme (12 mila validate) per una delibera di iniziativa popolare che propone alla giunta del Campidoglio un regolamento di gestione. Le firme, ne bastavano 5 mila, sono state consegnate già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi