closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Roma, il regolamento sui beni comuni non c’è e la giunta desertifica la città

Nuovo mutualismo e corpi intermedi. Non c'è solo l'Angelo Mai, migliaia di spazi sociali rischiano lo sfratto e i sigilli. Presentate 15 mila firme per una delibera di iniziativa popolare

Edifici in disuso della Marina militare, ex convitti come l’Angelo Mai, capannoni abbandonati, pezzi di Agro romano con casali, ex conventi come la Casa internazionale delle donne a Trastevere: sono migliaia a Roma gli spazi pubblici, non solo di proprietà del Comune, occupati da anni e gestiti per la collettività da associazioni e centri sociali. Entro lo scorso 30 maggio la "Coalizione Beni comuni di Roma" ha raccolto 15 mila firme (12 mila validate) per una delibera di iniziativa popolare che propone alla giunta del Campidoglio un regolamento di gestione. Le firme, ne bastavano 5 mila, sono state consegnate già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.