closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Roma, il comune sgombera l’Angelo Mai a sua insaputa

Terme di Caracalla. Sigilli allo storico centro culturale, regolarmente assegnato. Il vicesindaco e assessore alla cultura: non sapevo nulla. Dopo le proteste il sequestro viene sospeso per tre settimane

Protesta contro i sigilli al centro sociale Angelo Mai

Protesta contro i sigilli al centro sociale Angelo Mai

È sconcertante che il vice-sindaco Luca Bergamo, e assessore alla cultura della città di Roma, non sapesse che ieri mattina il dipartimento al patrimonio ha ordinato di apporre i sigilli, all’Angelo Mai, laboratorio di produzioni teatrali e musicali, spazio regolarmente assegnato, e vincitore di prestigiosi premi come l’Ubu-Franco Quadri, una gemma politica autogovernata e co-produttrice con il Teatro di Roma (Tdr) di spettacoli e progetti coreografici. La motivazione ufficiale è un provvedimento datato il 23 settembre 2016 con il quale il Comune disponeva la riacquisizione dell’immobile contro il quale gli attivisti dell’Angelo Mai fecero ricorso. Bergamo ha detto di avere...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi