closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Roma, i movimenti antirazzisti occupano la sede del giudice di pace

Immigrazione. La denuncia del ruolo incostituzionale assunto dai giudici di pace nel sistema della detenzione amministrativa dei migranti

«Le chiediamo di sottrarsi dal ruolo di complice delle violazioni del diritto costituzionale e dei diritti umani internazionalmente riconosciuti». Questo è l'appello consegnato ieri in occasione della giornata internazionale del rifugiato nella sede del Giudice di Pace penale di Roma da parte di un gruppo di attivisti antirazzisti appartenenti alla rete Resistenze Meticce che hanno anche occupato l’ufficio. L'appello e il blitz arrivano dopo le lettere pubblicate da il Manifesto e inviate dai migranti reclusi nel CIE romano di Ponte Galeria al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano perché auspichi il cambiamento della legge sull'immigrazione. Una delle lettere è stata firmata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.