closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Rock’n’roll, come nasce il primo «guitar hero» della storia

Intuizioni/Il chitarrista si appropria di stili preesistenti e li trasforma, consegnando la sei corde a un immaginario che arriva fino ad oggi. Con lui il riff diventa il nuovo vangelo, costante fonte di studio e ispirazione per una sfilza di colleghi

Chuck Berry in azione

Chuck Berry in azione

Quando Marty McFly, nel novembre del 1955 si esibisce in una furiosa versione di Johnny B. Goode sperando che i suoi adolescenti genitori si innamorino durante il ballo «Incanto sotto il mare», Chuck Berry è già da qualche mese un artista sotto contratto con la Chess Records, l’etichetta di Chicago, casa di Muddy Waters, Willie Dixon e tutto il gotha del blues. Ma i singoli che Berry aveva pubblicato fino ad allora, ancora non avevano sviluppato quel folgorante riff chitarristico che sarebbe diventato l’essenza stessa del rock’n’roll. Non possiamo quindi escludere a priori che Chuck abbia tratto ispirazione dalla telefonata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi