closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Roberto Masotti, un ritratto di Keith Jarrett in quarant’anni d’immagini

Intervista. Conversazione con il fotografo che nel libro «A portrait» documenta la carriera del jazzista dal 1969. I concerti con Miles Davis, la fisicità «estatica» sul palco, il lavoro insieme

La foto di un concerto di Jarrett tratta dal libro

La foto di un concerto di Jarrett tratta dal libro

«All’epoca ovviamente non si potevano controllare subito le foto sul visore della macchina, o andare in albergo a guardarle su un computer. Ma Jarrett si è sempre dilettato un po’ di fotografia: preciso com’è, faceva per bene tutto quello che faceva, comprese le foto. Quindi magari era in grado di intuire che dal servizio che stavo realizzando su di lui poteva venire fuori qualcosa di valido». Roberto Masotti se lo spiega così, che nel ’73, a Bergamo Alta, Jarrett abbia chiesto al giovane fotografo italiano che gli stava scattando delle foto, un fotografo che gli era del tutto sconosciuto, di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi