closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Robert Musil e il sogno affogato di un continente felix

Saggi. «L’Europa inerme» dello scrittore austriaco Robert Musil per Moretti&Vitali. Pubblicato il celebre discorso che l’autore de «L’uomo senza qualità» pronunciò negli anni Venti contro il militarismo continentale

Una statua che raffigura il volto di Robert Musil

Una statua che raffigura il volto di Robert Musil

Nella torrida estate del 1914 anche lo scrittore austriaco Robert Musil aderì con entusiasmo alla generale e sconsiderata esaltazione per lo scoppio della Prima guerra mondiale e si arruolò come volontario al fronte. Sappiamo dalle note di diario che, fin dalle prime tappe del conflitto, Musil visse con enorme partecipazione l’evento bellico, e non mancò di definire la guerra come «una grande esperienza». E tuttavia, come molti dei suoi coetanei pieni di aspettative, anche Musil dovette registrare, all’appuntamento con la trincea, una cocente delusione. Di fronte alla mostruosa e disumana realtà del fronte, ecco che la vita di guerra si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi