closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Robbie Ryan, l’estetica del cinema d’autore

Intervista. Da Andrea Arnold a Ken Loach, da Sally Potter a Yorgos Lanthimos: Ryan è un direttore della fotografia ambitissimo dai grandi registi

Da «La favorita» di Yorgos Lanthimos, 2018

Da «La favorita» di Yorgos Lanthimos, 2018

Ha lavorato con Andrea Arnold, Ken Loach, Sally Potter, Stephen Frears, Yorgos Lanthimos e Noah Baumbach, Robbie Ryan è uno dei direttori della fotografia più contesi dal cinema indipendente contemporaneo. Appassionato spettatore di festival l’ho incontrato, nonostante il Covid, anche quest’anno a Venezia. Mi racconta: «Dopo il college mi venne offerto un lavoro come operatore a Dublino, ma a quei tempi dovevi essere iscritto ad un sindacato, dopo tanta gavetta, diventavi operatore. Volevo lavorare subito così decisi di partire per Londra». Un incontro determinate è stato quello con Andrea Arnold. Come avete cominciato a collaborare? Andrea era alla ricerca di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi