closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Rivolte del pensiero, dopo Foucault per riaprire il tempo

Festival della filosofia. Mario Galzigna nel suo libro lancia la provocazione di unire l'empirico e il concettuale. Al pensiero in rivolta affida il compito di contrapporre "i futuri possibili"

 Dal pensiero in rivolta alle trame di futuro attraverso una sovversione diffusa. Talvolta, le rivolte del pensiero, intersecano il “movimento reale”, talvolta sono disseminate,disperse, molecolari. Costituiscono sempre una prospettiva libertaria, lontana da discipline e potere, che Mario Galzigna ,docente di Etnopsichiatria e Storia della cultura scientifica a Ca’ Foscari, ritrova in numerosi artisti ed in insospettabili opere. In Costruzione di un edificio del pittore fiorentino Pietro Cosimo, ad esempio. Un quadro “intrigante ed enigmatico” scelto come immagine di copertina del suo ultimo libro “Rivolte del pensiero. Dopo Foucault, per riaprire il tempo” Bollati Boringhieri. Nel quadro, sottolinea Galzigna, il concetto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi