closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Rivolta a Christmas Island

Australia. Si ribella la prigione degli immigrati. Mentre nel Paese cresce la destra anti-islamica. Qui e nel Pacifico Camberra ha costruito fortezze per richiedenti asilo e profughi

Christmas Island, Australia, il centro di detenzione per migranti

Christmas Island, Australia, il centro di detenzione per migranti

A scorrere le immagini diffuse dalle maggiori emittenti televisive internazionali è davvero difficile credere che quanti sono reclusi nel centro di detenzione dell’isola Christmas possano rappresentare una qualche minaccia per la società australiana. Eppure in questa lingua di terra sperduta in mezzo all’Oceano Pacifico e distante più di 1600 chilometri dalle coste dell’Australia, ma poche centinaia da quelle dell’isola indonesiana di Java, le autorità di Camberra hanno costruito una delle molte prigioni nelle quali sono costretti migliaia di richiedenti asilo e di migranti considerati in posizione irregolare. Donne, uomini e anche molti bambini tenuti lontano dal territorio australiano e reclusi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.