closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Ringo Starr pensa positivo

Note sparse. Esce il 25 ottobre «What's My name», il ventesimo album da solista dell'ex Beatles dove compare anche Paul Mc Cartney in una cover di John Lennon «Grow Old with me»,

Ringo Starr

Ringo Starr

Ci vorrebbe un Ringo Starr per ognuno di noi, almeno per tutta la carica positiva che trasmette. E anche nel nuovo album - il ventesimo da solista nella carriera dell’ex Beatle - non si smentisce, anzi: What’s my Name è un concentrato di suoni carichi e positivi. La vitalità e dunque il ritmo, sono alla base della raccolta che al primo impatto ricalca le sonorità tipiche dei quattro di Liverpool, ma in realtà nasconde una ricerca di suoni non scontata. Basta prendere in esame un pezzo all’apparenza spensierato come Thank God for Music per scoprire dentro un mondo di suoni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.