closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Rigassificatore fermo? Paga lo Stato

Grandi opere inutili. Medicina Democratica denuncia lo scandalo degli 80 milioni pubblici ai due colossi dell'energia E.On e Iren, come rimborso statale per il ridotto utilizzo del contestatissimo rigassificatore off-shore Olt alla Meloria. Ma per il governo è strategico. De Vincenti: "Serve all'approvvigionamento energetico".

Claudio De Vincenti con Giuliano Poletti

Claudio De Vincenti con Giuliano Poletti

Ottanta milioni di euro pubblici a due colossi dell'energia – la tedesca E.On e la nostrana Iren – come rimborso statale per il ridotto utilizzo nel 2015 di un impianto privato. Già questo potrebbe bastare per gridare allo scandalo. Se poi l'impianto in questione è il contestatissimo rigassificatore off-shore Olt, costruito al largo della costa pisano-livornese nonostante una robusta opposizione popolare, il cerchio si chiude. Arriva da Medicina Democratica la denuncia di un caso da manuale di come gli interessi privati possono essere molto persuasivi nei confronti dei decisori pubblici. “Niente di nuovo sotto il sole? - si chiede retoricamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.