closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Riforma delle pensioni, il governo francese cede ai sindacati. Ma la protesta continua

Il premier Philippe rinuncia ai 64 anni. La svolta a 38 giorni dall'inizio dello sciopero più lungo di Francia

Emmanuel Macron

Emmanuel Macron

Al 38esimo giorno di sciopero contro la riforma delle pensioni – la più lunga protesta del dopoguerra – il governo francese cede sulla principale richiesta dei sindacati riformisti: l’«età di equilibrio» a 64 anni sarà tolta dal testo di legge, una «misura a breve termine» secondo il primo ministro Philippe, sospesa fino al 2027. Nella lettera che ieri ha spedito ai sindacati, Philippe precisa però che «il futuro sistema prevede l’età di equilibrio» se i sindacati non troveranno, nella conferenza sul finanziamento delle pensioni che si apre a giorni, un’altra soluzione entro fine aprile per rendere neutro finanziariamente il sistema....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.