closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Riforma costituzionale: insabbiata la privazione di nazionalità

Francia. Non c'è accordo su un unico testo tra Assemblea e Senato per la perdita di nazionalità in caso di reati di terrorismo. Il Congresso potrebbe votare solo la costituzionalizzazione dello stato d'emergenza. Mesi di feroci polemiche finiscono nel nulla. Ma già cresce un'altra disputa, sulla Giornata di ricordo delle vittime della guerra d'Algeria

Il premier Manuel Valls in aula durante la discussione sulle riforme

Il premier Manuel Valls in aula durante la discussione sulle riforme

Dopo più di due mesi di feroci polemiche politiche, la costituzionalizzazione della privazione di nazionalità per reati di terrorismo ha fatto pshitt (come direbbe Chirac). Il principio che infligge la perdita della nazionalità per chi ha commesso atti di terrorismo non sarà introdotto nella Costituzione francese. Il Senato ha approvato giovedì un testo differente da quello che era passato un mese fa all’Assemblea: i senatori sono tornati alla redazione iniziale, quella presentata in Consiglio dei ministri nel dicembre scorso, riservando la perdita di nazionalità solo ai binazionali. Ma l’Assemblea aveva modificato questa stesura, perché avrebbe contraddetto l’eguaglianza tra cittadini, estendendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.