closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Rifkin’s festival», variazioni sul tradimento e sull’artista

Al cinema . l nuovo film di Woody Allen, in sala da venerdì 6 maggio, girato a San Sebastian, tra riti e nevrosi del mondo cinematografico, un matrimonio in crisi, l’autoritratto molto ironico del regista.

I festival cinematografici non sono più quelli di una volta chiosa al suo interlocutore Morton Rifkin, scrittore e docente di cinema con passione molto esigente per le Nouvelle vague e i grandi autori - Fellini, Bergman, Kurosawa. E ancora non c'era stata la pandemia che oggi, davanti a ore e ore accumulate online sul solitario divano di casa - a parte whatsapp con qualche amico o sporadico compagno di visioni singole qua e là nel mondo - cosa direbbe? Ma il racconto si svolge prima, e i fatti a cui si riferisce sono nel passato, quasi un memoir tra immaginari...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi