closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Ricostruzione zero, a Roma esplode la rabbia dei terremotati

La protesta. A 8 mesi dal sisma che colpì il centro Italia le promesse del governo sono rimaste lettera morta. Proteste a Roma. Blocchi sulla Salaria. «Mancano le case, le prospettive, le informazioni. Nulla è operativo, i decreti del governo non sono attuativi e ogni cosa è ferma».

La protesta dei terremotati

La protesta dei terremotati

Capire perché i terremotati siano così tanto arrabbiati è semplice. Basta darsi un'occhiata intorno: ad Arquata del Tronto tutto è com'era il 24 agosto, data della scossa che ha demolito il paese. Le case sventrate, le macerie accatastate per le strade, le crepe profondissime sui muri rimasti in piedi. In questi mesi, solo il terremoto si è ricordato dei terremotati, con uno sciame sismico che soltanto nelle ultime settimane ha cominciato a dare una tregua: perché le scosse sono state decine di migliaia, di varia intensità, e sentirle era ogni volta un richiamo dell'incubo. SOTTO LA ROCCA DEL PAESE, sulla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi