closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Riconoscere lo Stato di Palestina, la sua urgenza le sue ragioni

L'appello. Non è più sufficiente esprimere la condanna della violenza o fare il dovuto appello ai principi ed ai valori, se poi nei fatti non vi è un’azione conseguente e coerente. Perché non riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina? Cosa impedisce di portare a compimento la soluzione dei «due Stati per i due popoli», sulla base delle risoluzioni delle Nazioni Unite e dell’Accordo di Oslo, naufragato ma tutt’ora vigente?

Lettera indirizzata a: Enrico Letta, Partito Democratico, Nicola Fratojanni, Sinistra Italiana, Matteo Renzi, Italia Viva, Roberto Speranza, Articolo 1, MDP, Maurizio Acerbo, Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, Angelo Bonelli, Federazione dei Verdi, Giuseppe Conte, Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, Movimento 5 Stelle, Benedetto Della Vedova, Più Europa, Silvio Berlusconi, Forza Italia Condannare la violenza e dire due stati per due popoli non basta, bisogna riconoscere lo Stato di Palestina per disinnescare odio e violenze. Ciò che sta accadendo a Gerusalemme, nelle città israeliane e nelle città e nei villaggi palestinesi, nella Striscia di Gaza, è l’ennesima ondata di violenza che si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.