closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Ricollocano i disoccupati, ma loro sono precari: il paradosso dell’Anpal

Il caso. Storia delle politiche attive del lavoro, quelle su cui punta il ministro del lavoro Luigi Di Maio che punta sui centri per l'impiego per il "reddito di cittadinanza", mentre ci sono 800 precari specializzati nel coordinamento tra le istituzioni che dovrebbero attivarsi per renderlo concreto. Sono precari e ora protestano

Loro sono precari e dovranno aiutare i disoccupati, destinatari del «reddito di cittadinanza», a trovare un lavoro. Gli operatori precari dell’Agenzia nazionale delle politiche attive del lavoro (Anpal) ieri sono tornati a protestare contro uno dei paradossi viventi delle politiche del lavoro in Italia. Sono circa ottocento, sono qualificati, svolgono da anni quella politica che ora sembra essere il futuro. Assistono i centri per l’Impiego (che dovrebbero essere rifinanziati con 2 miliardi, mentre nel decreto dignità si prevede un rafforzamento del personale). Vivono da anni con contratti a tempo determinato e, davanti a loro, hanno ancora precariato. «Riteniamo gravissimo -...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.