closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Richard Sennett dentro la corrosione del legame sociale

Intervista. «L’essere umano ha una caratteristica che spesso rimuove: è un animale portato a muoversi e spostarsi per vivere insieme ai suoi simili. Chi respinge i migranti dimentica questa propensione sociale della natura umana, rimuovendo così il fatto che discende lui stesso da altri migranti». Parla il sociologo statunitense

Un murales di Charles Leval

Un murales di Charles Leval

Richard Sennett è stato recentemente ospite del Premio Hemingway, giunto alla trentunesima edizione, per la sezione “Avventura del Pensiero” a Lignano Sabbiadoro, una sorta di anticipazione di «Pordenonelegge». È un uomo molto gentile e riservato, questo sociologo settantaduenne caratterizzato da una schiera di ammiratori che in tutto il mondo attendono ogni volta con ansia che esca un suo nuovo libro. Forse perché centellina i suoi volumi, visto che il terzo libro del suo progetto «Homo faber», una trilogia iniziata nel 2008 con L’uomo artigiano e proseguita nel 2012 con Insieme. Rituali, piaceri, politiche della collaborazione (entrambi pubblicati da Feltrinelli), si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi