closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Richard Rogers, l’architettura come incrocio di storie

Ritratti. La scomparsa a 88 anni del progettista che elesse a laboratorio privilegiato le due metropoli di Londra e New York. A Parigi, aveva contribuito al Beaubourg, poi aveva legato il suo nome al Millennium Dome, sempre coniugando le soluzioni high tech con un'idea umanistica

Rogers Stirk Harbour + Partners, Londra, Rogers,  Millennium Dome (1996-1999)

Rogers Stirk Harbour + Partners, Londra, Rogers, Millennium Dome (1996-1999)

Personalità cosmopolita, raffinata e colta, Richard Rogers, scomparso sabato scorso all’età di ottantotto anni, è stato l’interprete della migliore architettura british della tarda modernità. Nato a Firenze nel 1933 da padre medico inglese e madre triestina proveniente dalla facoltosa famiglia Geiringer, lasciò l’Italia all’età di sei anni per Londra per studiare all’Architectural Association e alla Yale University di New Haven. CHE COSA FOSSE l’architettura per Rogers lo spiegò lui stesso nel 2013 quando la londinese Royal Academy of Arts allestì una mostra in suo onore: «Un posto per tutte le persone, il giovane e il vecchio, il povero e il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.