closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Riccardo Tesi, viaggiatore ai confini del tempo

Intervista. Si intitola Maggio il nuovo progetto dell'organettista e compositore dove si parla di emigrazione e nostalgia

Riccardo Tesi

Riccardo Tesi

In bilico sulla perfezione. Difficile arte, per la quale ci vogliono umiltà e perseveranza. Tutti elementi di vita che Riccardo Tesi, organettista e compositore conosce bene, e riesce a dipanare con saggezza, dosando con attenzione dischi, progetti, concerti. A Tesi è andato l’incarico di ricordare, cinquant’anni dopo, lo spettacolo Bella Ciao, quello che irruppe al Festival di Spoleto nel 1964, una delle prime scaturigini della riscoperta dei nostri repertori popolari. Lo ha fatto l’11 giugno scorso, all’Auditorium Di Vittorio di Milano, con le voci di Ginevra di Marco, Elena Ledda, Lucilla Galezzi, Alessio Lega. Ma ora si parla della nuova...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi