closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Respingimenti, la logica di Frontex

Non c’erano telecamere e giornalisti ad accompagnare il primo volo di rimpatrio di migranti arrivati in Grecia attraverso l’Egeo: settanta pachistani a cui è stato negato il permesso per continuare la marcia lungo la martoriata rotta balcanica sono stati prelevati dal centro di detenzione di Amygdaleza, vicino Atene, e imbarcati nottetempo per Islamabad pochi giorni fa, scortati solo dai funzionari di Frontex e dai poliziotti greci. Tutto un altro clima rispetto a quello del primo volo di ricollocamento, partito sempre dall’aeroporto di Atene soltanto poche ore prima, alla presenza del commissario agli Affari interni dell’Ue Dimitri Avramopoulos: direzione Lussemburgo, dove...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi