closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Resnais, ossessione fumetto

Comics & Cinema. L'amore per i comics del regista francese influenzò anche il suo linguaggio cinematografico, dalle inquadrature spericolate ai rapidi cut

È difficile pensare al cinema di Alain Resnais senza tenere conto del suo amore dichiarato per i fumetti. Fosse stato per lui, forse il suo primo lungometraggio sarebbe stato il western Red Ryder basato sulla striscia di Fred Harman del 1938. Invece due anni dopo, nel 1959, fu Hiroshima mon amour, grande rivelazione all’epoca al festival di Cannes. Ma quell’onda nuova che si abbatté sulla spiaggia della Croisette aveva le nuvolette nel proprio genoma, tant’è che l’anno dopo anche Jean-Luc Godard rese omaggio alle bandes dessinées nel suo film manifesto Fino all’ultimo respiro. Il protagonista interpretato da Jean Paul Belmondo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.