closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

«Repubblica» e il sentito dire della repressione

L'iniziativa alla sede della Stampa Estera a Roma del 19 maggio 2017

L'iniziativa alla sede della Stampa Estera a Roma del 19 maggio 2017

Nell’era della post verità i giornalisti preferiscono fare gli «scoop» origliando dietro le quinte piuttosto che assistere a fatti reali. Anche quando si tratta di difendere cause giuste come quella per la verità sul caso Regeni. Mi riferisco all’articolo pubblicato il 23 maggio da Repubblica dal titolo: «I veleni del caso Regeni “Attivisti egiziani spiati al convegno in Italia”» a firma Carlo Bonini e Giuliano Foschini. Le intimidazioni da parte di giornalisti filo-regime al Sisi nei confronti di intellettuali egiziani e arabi impegnati per i diritti umani e per conoscere la verità sull’assassinio di Regeni sono avvenute in pubblico e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.