closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Reporter «attaccati». Ma Rabat nega tutto

Cosa hanno in comune Edwy Plenel, fondatore del sito d'inchiesta francese Mediapart, Eric Zemmour, giornalista di Le Figaro, Rosa Moussaoui giornalista de L’Humanité o Omar Radi, giornalista marocchino e fondatore del quotidiano Le Desk? A prima vista niente, solo che tutti sono stati scelti come bersagli dai servizi segreti marocchini, in vista di una possibile infezione dei loro telefoni da parte del potente spyware Pegasus. Già lo scorso giugno 2020 Amnesty International aveva prodotto un report nel quale accusava i servizi marocchini di aver infettato lo smartphone del giornalista marocchino Omar Radi, attualmente in carcere con accuse di violenza sessuale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.