closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Nepal, l’arancione dei morti e l’azzurro delle tende

Nepal. Viaggio tra i campi degli sfollati e il fiume Bagmati, dove vengono bruciati i cadaveri. In attesa di trovare, tre le macerie, altri corpi

La capitale del Nepal è un continuo contrasto tra la morte che affiora negli occhi e la vita che fa capolino nelle orecchie. Camminando per le vie del centro, è necessaria attenzione: bisogna stare attenti a non inciampare. Lo sguardo sbircia sempre un po’ verso l’alto, mentre le gambe sono pronte a buttarsi a terra, o a correre, perché una casa in piedi, un davanzale, la protuberanza di un tempio, con la prossima scossa potrebbero essere un pericolo superiore agli squarci nei marciapiedi o alla precarietà del terreno. Lo scontro potenziale, però, non è solo con i detriti o le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.