closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Renzi, sofferenza bancaria

Governo. Gli enti di credito come quello di papà Boschi salvati a spese dei risparmiato. L'esecutivo tenta di metterci una pezza, ma non sarà per tutti. Il presidente del Consiglio sente la protesta e prova a difendersi: «Abbiamo salvato quattro istituti che altrimenti avrebbero chiuso»

Matteo Renzi a Pontassieve

Matteo Renzi a Pontassieve

Stavolta Renzi tornerà parzialmente indietro. Il decreto salvabanche verrà modificato con un emendamento inserito nella legge di stabilità: per salvare i piccoli azionisti, che il governo aveva svaligiato defraudandoli dei loro risparmi, ma soprattutto per salvare il governo e il partito da un’ondata di piena che minaccia di travolgerli. Verrà istituito un «fondo di solidarietà», al quale concorreranno le stesse banche e il governo. In quale misura i salvati parteciperanno al fondo è ancora incerto. Potrebbe trattarsi della metà del totale, come chiedono le medesime banche, oppure dei due terzi,come preferirebbe il governo. Neppure sulla cifra complessiva però c’è chiarezza....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi