closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Renzi si inchina ai frustatori di Riyadh

Arabia saudita. Il premier italiano in visita in Aabia saudita per business e lotta al terrorismo. Ma il vero terrorismo è quello di re Salman, impegnato a foraggiare gruppi estremisti e devastare lo Yemen

Il premier Renzi durante la visita in Arabia saudita

Il premier Renzi durante la visita in Arabia saudita

«Una volta che l’Italia è ripartita, il nostro obiettivo è renderla più solida nel mondo». Matteo Renzi usa il cantiere della nuova metropolitana di Riyadh per riproporre il ritornello dell’uscita dalla crisi. La visita ufficiale del primo ministro – accompagnato, guarda caso, dall’ad di Eni Descalzi e da quello di Finmeccanica Moretti – a re Salman ha un forte valore simbolico: se l’Italia è in cerca del suo posto al sole nel mondo, uno dei più proficui è sicuramente l’Arabia saudita. Un paese con cui – dice l’entourage del premier – discutere di business su gas e greggio, investimenti in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi