closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Renzi regala 16 miliardi alle imprese e non produce nuovi posti di lavoro

Istat. Il governo prigioniero della trappola della "crescita senza occupazione fissa". Usa la leva fiscale, e fondi a pioggia, ma non ottiene risultati. E la disoccupazione giovanile supera un nuovo, triste, record: il 44,2%. Tutte le reazioni sui dati di giugno

Dopo lo Svimez, anche l'Istat guasta la festa al governo. Ventiduemila occupati in meno e cinquantacinque mila disoccupati in più a giugno, 85 mila in più dal 2014, hanno indotto ieri il presidente del Consiglio Matteo Renzi a parlare di «piccola ripartenza» dell'occupazione. A Renzi è stato suggerito di guardare i dati Istat che attestano la riduzione degli inattivi, sintomo di una maggiore partecipazione al mercato del lavoro. Una tendenza che si è strutturata nell'ultimo anno: -0,9% (-131 mila). «C'è ancora moltissimo da fare ma i dati sono interessanti perché quelli che vengono considerati inattivi, che erano sfiduciati o rassegnati,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.