closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Renzi: «Il precariato a scuola è finito». Ora precarizzerà tutti i docenti

"La buona scuola". Propaganda e realtà del renzismo scolastico. Grande entusiasmo del premier e del Pd per l'ultima fase di assunzione dei 55 mila precari. Il governo ne ha esclusi altri 100 mila. In arrivo un mega-concorsone da 190 mila posti in tre anni. La novità della riforma Giannini: gestire i docenti secondo le norme del "capitale umano": flessibile, mobile, dipendente dai voleri dei presidi manager

Matteo Renzi e la

Matteo Renzi e la "Buona scuola"

E così Renzi, avrebbe cancellato il precariato nella scuola. L’assunzione di 55 mila docenti precari nella «fase C» (complessivamente sono 102 mila) ieri ha prodotto un sussulto in tutto il Pd, galvanizzato al punto da fare la ola attorno alla «lettera ai professori» che il premier ha scritto su facebook: «Basta odioso precariato, le cose sono cambiate» ha dettato Renzi. «Abbiamo fatto solo il nostro dovere, niente di più». E ha aggiunto, rivolgendosi al «precario neoassunto»: «Lo Stato aveva formato Lei e i suoi colleghi per diventare professori. Vi aveva attribuito il diritto di diventarlo. E poi vi ha lasciato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.