closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Renzi e la Ue litigano per la casa

Tasse. Bruxelles: "L'Italia tagli piuttosto le imposte sul lavoro". Il premier: "Non mettete bocca sulle nostre scelte". I dubbi dei tecnici delle Camere e della Corte dei Conti sul Def: «Coperture non chiare e incerte»

Il presidente del consiglio Matteo Renzi ieri era a New York per l'Assemblea dell'Onu

Il presidente del consiglio Matteo Renzi ieri era a New York per l'Assemblea dell'Onu

La Commissione europea critica la riforma fiscale annunciata da Renzi, con il taglio delle tasse sulla prima casa, e il premier risponde chiaro, per le rime: «La Ue non deve mettere bocca sulle scelte dei Paesi». Il botta e risposta arriva a 15 giorni dall’approvazione della legge di Stabilità (prevista il 15 ottobre) e in realtà è la seconda puntata di un dibattito che si era già aperto qualche settimana fa, quando Bruxelles aveva indicato al governo italiano l’opportunità di concentrare i tagli più sul lavoro che sul patrimonio. Ma ieri, al bis dei commissari europei, Renzi è stato ancora...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi