closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Europa

Regno unito, aiuti ai lavoratori «senza precedenti»

Coronavirus. Lo stato pagherà gli stipendi per proteggere dipendenti e freelance

Londra, il gruppo Pause the System protesta davanti all'entrata di  Downing Street

Londra, il gruppo Pause the System protesta davanti all'entrata di Downing Street

Siamo a quota trentanove vittime, l’aumento maggiore in una singola giornata per un totale di 177. I casi confermati a ieri erano 3,269, ma sono cifre in continuo, lugubre aumento. Johnson si è presentato alla conferenza stampa di ieri nuovamente affiancato dal ministro delle finanze Rishi Sunak e dalla dottoressa Jenny Harries, vice di Chris Witty, la massima carica medica inglese. E finalmente la riluttanza iniziale di questo governo a seguire l’esempio – pagato a caro prezzo – da altri paesi, Italia in primis, è stata gettata fuoribordo. Ieri è stato l’ultimo giorno di scuola per milioni di alunni, per alcuni saltano i Gcse, l’equivalente della nostra maturità.

A scuola continueranno ad andare i figli di chi lavora in ospedale o in altri settori vitali per l’assistenza sanitaria. Sempre da ieri sera restano finalmente chiusi i ristoranti, i caffè, i bar, i centri sportivi, i cinema, i teatri e le discoteche. I trasporti restano in funzione, anche se a Londra la metropolitana è stata ridotta abbastanza sostanzialmente. C’è un diffuso problema di accaparramento, la gente nel panico pialla gli scaffali dei supermercati e chi esce la sera dal lavoro in ospedale o da scuola non trova niente per sé e le proprie famiglie.

Appare ormai più che probabile che il distanziamento sociale, finora prescritto dal governo per un massimo di dodici settimane per i soggetti più a rischio, resterà in vigore almeno un anno, oscillando, secondo le necessità, tra misure più o meno rigide: le prime riguardano tutti e comprendono la chiusura delle scuole, le seconde i casi di individui singoli o intere famiglie.

Fondamentali le misure finalmente annunciate da Sunak per proteggere il lavoro dipendente e freelance. Dopo il megapacchetto di sostegno alle imprese squadernato martedì, è finalmente venuto il turno del lavoro. In un exploit iper-keynesiano lo stato pagherà per la prima volta nella storia del paese gli stipendi per proteggere l’occupazione e limitare/revocare i licenziamenti. I datori di lavoro percepiranno un contributo da Hrmc, l’equivalente dell’italiana agenzia delle entrate, per riassumere chi ha perso il lavoro. Si tratta di circa 2.500 sterline al mese per lavoratore, e dovrebbe coprire almeno l’80% della forza lavoro totale. Questa cifra minima potrà essere integrata – a piacimento – dal datore di lavoro. I freelance potranno richiedere invece il sussidio Universal Credit, aumentato di mille sterline per chi già ne usufruisce, almeno quattro milioni di famiglie, grazie a un’iniezione di sei miliardi di sterline. Il provvedimento è retrodatato e partirà dall’inizio di marzo.

L’emergenza pandemica ha sbriciolato l’aplomb liberale ostentato inizialmente dal governo. È l’auspicata fine del nudging, delle spintarelle ai docili greggi che nella terra di Bentham e Mill sono state preferite fino all’ultimo al “dirigismo autoritario” di marca continentale. C’è da augurarsi che non siano misure, soprattutto quelle sanitarie, troppo tardive.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna