closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Registi contro critici, a Hollywood

La polemica. Succede: gli autori si vendicano sottilmente, attraverso i film, dei pareri negativi sulle proprie opere: una difesa della critica

«Birdman», di Alejandro González Iñárritu

«Birdman», di Alejandro González Iñárritu

Martin Scorsese ha lavorato trent’anni per portare sullo schermo Silence, il suo film del 2016 sui missionari cattolici in Giappone. Io ci ho messo un'ora a scrivere una recensione di cinquecento parole che alla fine diceva che era un po’ noioso e non mi era piaciuto Andrew Garfield. Anche aggiungendo il tempo servito a guardare il film - lungo com’è - non si arriva certo a trent’anni. Se ci dovesse essere una guerra fra critici e registi sarebbe una guerra asimmetrica. Quello che loro fanno in un anno noi potremmo cancellarlo in un pomeriggio. Ma non è una guerra. Almeno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.