closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Regeni, Il ministro del Petrolio «rassicura». Ma stringe la mano a Eni e Edison

Egitto. Al Molla da Ravenna annuncia una visita della Procura di Roma al Cairo i primi di aprile, mentre al-Sisi incontra di nuovo Descalzi. Per le aziende energetiche italiane, il paese nordafricano è una miniera d'oro

«Faremo ciò che serve. [L'Egitto] non mollerà finché il caso non sarà risolto». Parola del ministro egiziano del Petrolio Tarek al Molla. Dell'omicidio di Giulio Regeni, il ministro ha parlato ieri a Ravenna, a margine della conferenza Offshore Mediterranean. «L'attenzione del governo sul caso Regeni è al livello massimo – ha continuato – Sono stati fatti grandi progressi con la collaborazione tra la procura italiana e l'Egitto. È prevista una visita in Egitto a inizio aprile da parte italiana per finalizzare la consegna dei documenti richiesti». Ovvero i verbali di dieci funzionari di vario livello della National Security, chiesti da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi