closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Regeni, i 5stelle e l’offensiva cosmetica dell’uguale

«Giulio uno di noi». Negli ultimi quaranta giorni ben tre ministri della Repubblica si sono recati in Egitto, eppure nessuna informazione inedita, nessun impegno concreto, nessun tangibile spiraglio per l’accertamento della verità è venuto fuori

Secondo il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio, il despota egiziano Al Sisi avrebbe dichiarato: «Giulio Regeni era uno di noi». Cosa significhi una simile frase, tanto offensiva quanto spaventosa, è difficile a dirsi. Si potrebbe ipotizzare che quell’affermazione si riferisca al comune destino del ricercatore italiano e delle migliaia di egiziani scomparsi, torturati e uccisi. Ma è improbabile che Al Sisi intendesse stabilire quel parallelismo, finendo così col denunciare le responsabilità criminali del regime di cui è massima espressione. Deve pensarsi, piuttosto, che quella incredibile definizione sia il più recente - e non necessariamente l’ultimo - atto di una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.