closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Regeni, due anni dopo nessuna verità. E il regime reprime dal Cairo al Sinai

Egitto. Il 3 febbraio 2016 veniva ritrovato il corpo devastato dalle torture del giovane ricercatore. Al-Sisi propone la stessa narrativa, mentre Amnesty Germania premia il Nadeem Center, chiuso un anno fa, e le opposizioni egiziane fanno appello al boicottaggio delle elezioni

Fiaccolata a Torino per Giulio, lo scorso 25 gennaio

Fiaccolata a Torino per Giulio, lo scorso 25 gennaio

Due anni fa, in un fosso lungo l’autostrada Il Cairo-Alessandria, un camionista di passaggio (almeno ufficialmente) trovava il corpo di Giulio Regeni, devastato dalle torture. Dal 25 gennaio, anniversario della scomparsa, si moltiplicano le iniziative in tutta Italia per ricordare il ricercatore, un esercizio di memoria attiva che dichiarazioni stantie non riescono a sporcare. Due giorni fa, all’inaugurazione del mega bacino di gas sottomarino di Zohr, il presidente al-Sisi ha allietato l’ad di Eni De Scalzi con la solita narrativa del regime: Regeni è stato ucciso per rovinare i rapporti con l’Italia. Regeni è stato ucciso da professionisti della tortura,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.