closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Regali e soldi per corrompere i medici. La ’ndrangheta nella Asp di Reggio Calabria

Già nel 2008 era stata sciolta per infiltrazione di ’ndrangheta. Il controllo venne affidato a un generale dei carabinieri. Quella gestione finì nel 2010. L’onta dello scioglimento, l’Asp di Reggio Calabria la subì poi anche nel 2017. Se qualcuno volesse trovare i responsabili del disastro della sanità calabrese dovrebbe scavare a fondo nel buco nero dell’azienda reggina. I magistrati della Dda della città dello Stretto lo hanno fatto. E hanno scoperto che l’Asp sarebbe stata negli anni una succursale dei Piromalli di Gioia Tauro. Regali e soldi per corrompere medici e professionisti in servizio e per imporre l'acquisizione di forniture...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi