closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

«Reddito», il primo voto del Senato alla «rivoluzione» del Workfare

Workfare all'italiana. Primo giro di boa ieri al Senato per il «decretone reddito-pensioni quota 100» con 141 voti a favore. I Cinque Stelle e il premier Conte parlano di una «rivoluzione del Welfare». In realtà si tratta di uno scambio tra sussidio e lavoro obbligatorio (Workfare). Partenza spericolata il 6 marzo, erogazione da aprile. Se funzionerà, il sussidio detto impropriamente «reddito di cittadinanza» creerà una trappola della povertà anche in Italia. Però il governo potrà dire che ci sono più lavoratori attivi e occupabili

Il vicepremier ministro del lavoro e dello sviluppo Luigi Di Maio (M5S) al Senato

Il vicepremier ministro del lavoro e dello sviluppo Luigi Di Maio (M5S) al Senato

Il primo passaggio parlamentare del «decretone» che contiene il sussidio detto impropriamente «reddito di cittadinanza» e le pensioni «quota 100» ieri al Senato (141 voti favorevoli, 110 contrari) è stato presentato ieri dai Cinque Stelle e dal loro premier Conte come «una rivoluzione del Welfare», i cui benefici sono «lo stimolo alla crescita e la riduzione del rischio di cadere in povertà». Pesa, sulla valutazione enfatica di un provvedimento che avrà bisogno di almeno 15 tra convenzioni, decreti attuativi e intese con le Regioni per partire il 6 marzo (il modulo Inps è online) e essere erogato da aprile, l'idea...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.